INCONTRO

Più che una storia, una fiaba, quella di Tiziana e Massimo Aloisio fondatori di Orogami. Tutto comincia il 25 maggio del 1990 quando, da perfetti sconosciuti, si ritrovano seduti uno accanto all’altra sull’aereo che da Roma va a Milano: un aereo che lui non avrebbe voluto prendere e sul quale lei non avrebbe dovuto essere. È l’ultimo volo di quel giorno, sarà il primo della loro vita insieme.

Per tutto il viaggio parlano di ori e di preziosi, di design, di arte ed architettura, di filosofia e della loro esperienza decennale come designer per aziende importanti in Italia ed in Francia Da quel momento non si lasceranno più, dando vita a un sodalizio personale e professionale che li porta a fondare, quello stesso anno, Orogami.

Il nome lo scelgono in quanto evoca il loro incontro ed è crasi delle parole oro e gamos, che in greco antico significa unione. Unione nell’oro. Ma oltre a questo Orogami letto al contrario dà Imagoro parola giapponese che significa “di questo tempo” e questo è alla base della filosofia che Massimo e Tiziana infondono nelle loro collezioni e che, attraverso forme contemporanee, esprimono un messaggio ed una emozione che vogliono condividere.

LA NOSTRA STORIA

Massimo e Tiziana sono entrambi nati e cresciuti a Roma. Dopo aver completato gli studi, hanno lavorato nel campo dell’arte e dell’architettura. In questi anni maturano esperienze arricchenti, apprendono i segreti del mestiere da alcuni tra i più rinomati orafi romani e allo stesso tempo approfondiscono le conoscenze sulle tecnologie applicate alla moderna oreficeria.

Tutto ciò, unito alla loro sensibilità e ad una prospettiva più ampia di diverse culture ed espressioni artistiche, maturata in ampie esperienze di viaggio, ha ampliato la loro visione rendendo possibile un approccio diverso e un punto di vista molto personale nella progettazione di gioielli. Nel 1994, anche questa volta per uno strano vezzo, la coppia si trasferisce nella vicina Orvieto, antica città con più di 3.000 anni di storia situata nel cuore verde dell’Italia. Fu ad Orvieto che trovarono rinnovata ispirazione e una migliore qualità di vita.

OROGAMI ha una clientela privata internazionale ed espone regolarmente in gallerie d’arte, mostre, eventi o prestigiose gioiellerie in diversi paesi tra cui Stati Uniti, Svizzera, Australia e Francia. Nel corso degli anni sono stati insigniti di numerosi premi di design. Nel 2002, in riconoscimento del loro contributo all’industria della gioielleria con il documento intitolato “Design del gioiello: un punto d’incontro tra creatività e tecnologia”, sono stati insigniti del “Premio Leader dell’industria” assegnato dal Simposio di Santa Fe.

LA FILOSOFIA

Nella filosofia di OROGAMI si ritrovano i concetti e le idee che si intrecciano nel percorso unico dei suoi fondatori. Richiama la storia, l’arte, l’archeologia, echi di culture classiche – orientali – tribali e il mistero della spiritualità e del simbolismo presenti nelle varie tradizioni. Valori e allusioni che l’estro, l’esperienza e la creatività di Tiziana e Massimo Aloisio trasformano in opere di grande impatto visivo, tattile, carismatico e misterioso.

Attraverso ogni Collezione le opere cercano di esprimere e condividere idee e concetti legati alla vita e alle sue emozioni. Trasferiscono energia positiva in chi li indossa, in chi li guarda e in chi li tocca. Il viaggio creativo inizia da un’idea che si trasforma e si materializza attraverso forme che possano esprimerla al meglio. Questo approccio distintivo al design contemporaneo consente a OROGAMI di fondere nelle sue collezioni estetica, alta qualità artigianale e versatilità dal valore simbolico primordiale.

Il Cerchio, in quanto simbolo più importante della vita e della vitalità delle cose, è una delle forme più ricorrenti nelle opere d’arte OROGAMI. Gli spunti dell’architettura, della natura, della matematica con la sua sequenza di Fibonacci e gli enigmi del labirinto insieme al gioco del chiaroscuro, l’uso di diverse tonalità dell’oro e dei motivi iconici della vita, rendono i loro gioielli riconoscibili e unici e una perfetta rappresentazione dei segreti delle energie e dello spirito della tradizione artigianale italiana.

L'ARTE DEL FARE

Per Massimo e Tiziana Aloisio un’opera d’arte di gioielleria è il risultato di un percorso creativo in cui, da uno schizzo delineato su un foglio di carta, un’emozione e un’idea si materializzano e diventano espressione scultorea. Un pezzo OROGAMI, unico e distintivo, grazie alle sue trame complesse e alle sue strutture ardite può essere realizzato solo da mano esperta, da maestri orafi in grado di seguire e realizzare il disegno e permettendo di diventare una creazione che conserva la forza espressiva desiderata.

È una continua ricerca costruttiva portata ad empatizzare la bellezza della materia. Attraverso il gioco di luci e ombre, di pieni e vuoti e l’uso cromatico delle gemme viene esaltato l’effetto desiderato. Tutto questo viene raggiunto utilizzando tecniche che affondano le loro radici nella tradizionale e storica abilità e maestria dei Maestri italiani. Il risultato di tutto questo è una fusione di artigianalità, pensiero e cuore.

Poiché la semplicità è una cosa difficile da realizzare, un’opera d’arte OROGAMI, è in un certo senso, unica, difficile da riprodurre, posta al confine, com’è, tra un’eccellenza artigianale e un’opera d’arte. L’esperienza e la conoscenza dell’arte non sono nulla se non sono legate all’anima delle mani del maestro che lavorano sull’opera d’arte e il suo risultato esprimerà la propria anima solo se rimarrà con esso un sussurro del cuore del maestro.